luglio 02, 2013

Fondotinta minerale Lily Lolo, ovvero alla ricerca del sottotono giusto

Una delle cose che mi bloccava, tra le varie perplessità sull'aprire o meno un blog, era la consapevolezza che avrei dovuto essere costante nell'aggiornarlo. Cosa che non sono affatto. Appunto. 
Però almeno ho potuto testare questo fondo di cui andrò a cianciare, in varie e disparate situazioni (caldo con 38 gradi e umidità al 90%, esame con caldo e umidità di cui sopra, matrimonio). 
Sto parlando del fondotinta minerale Lily Lolo, acquistato sul sito kosmetika point, nella colorazione In the Buff. 


 Informazioni tecniche: 10 grammi, per 14 euro, Pao di 24 mesi






L'acquisto di questo fondotinta è stato frutto di mesi e mesi di ricerche, tra toni e sottotoni fuorvianti, che mi avevano portato ad acquisti sbagliati:

Avendo abbandonato già da parecchio tempo i fondi liquidi a favore delle meraviglie delle polveri e dopo anni di assoluta fedeltà a lui, il Superbalanced powder formula minerale di Clinique (che tra l'altro scopro ora con orrore essere andato fuori produzione, ecco cosa succede a tradire) avevo deciso di prendere qualcosa che fosse davvero e totalmente minerale, e che non costasse 40 euro come questo (che però li valeva tutti, bisogna dirlo. Perchè te ne sei andato? torna!)
L'Ei Fu (?) fondo pseudo minerale Clinique


Credevo non avrei mai trovato di meglio: il rischio con i fondi minerali è che restino troppo polverosi con conseguente effetto statua di cera, oppure, peggio, che mettano in evidenza pieghette e rughe d'espressione (si dice così). Come mi era capitato con la polvere minerale Benecos, che avevo preso, toppando alla grande, nella cadaverica, per me, tonalità light sand.
Con  Lily Lolo questo non mi è successo. L'unica difficoltà è stata, come dicevo, azzeccare il colore tra le svariate tonalità che propone per tutti i tipi di tono e sottotono, senza poterlo provare. Ma, pur avendo acquistato a occhi chiusi, non sono andata troppo distante dalla mia tonalità, scegliendo dalla palette dei toni neutri.
Cito dal sito di Kosmetikapoint:
 
"Una polvere setosa e finemente micronizzata SPF 15 che si amalgama perfettamente con la pelle e permette una buona coprenza ed una lunga tenuta. Realizzata esclusivamente con ingredienti naturali per garantire un effetto sano e naturale, che minimizzi le piccole imperfezioni cutanee.
 
Ideale per carnagioni medie con sottotono caldo tendente all’aranciato"

Nonostante questa descrizione non si adatti esattamente al mio incarnato, mi sono fidata, comparandola anche con le descrizioni di altri siti. Anche se penso che la prossima volta andrò sul suo fratello Barely Buff, per pelli più chiare.

La composizione: questo fondotinta non contiene schifezze sintetiche, coloranti, conservanti, parabeni, niente di tutto ciò...solo polveri minerali completamente naturali.
E' idrorepellente, vegano, vegetariano e ha anche un fattore naturale di protezione solare. Cosa volere di più da un fondotinta?! (...si lo so, ma per tutto il resto c'è photoshop!)

Il packaging: pratico ma elegante, la polvere si presenta nel suo barattolo di plastica satinata con tappo a vite. Facile da usare, con all'interno la sua rotellina girevole e richiudibile che permette di far uscire la giusta quantità di prodotto senza sprechi. 

Io ne faccio cadere un po' sul tappo e lo applico con il Powder Brush della linea Studio di Elf.


La coprenza è media e modulabile, non secca la mia pelle mista, copre i rossori e le discromie perfettamente e sopratutto, come dicevo all'inizio, regge a meraviglia nonostante il caldo africano che aveva iniziato a metterci a dura prova già da metà giugno (ma solo perchè avevo un esame bello tosto, ora si respira di nuovo) 
Questo fondotinta mi ha lasciato il viso truccato e asciutto come in una sala d'attesa con aria condizionata sparata a 15 gradi . Promossissimo!


Vi lascio delle foto, poco veritiere e bruttine ma giusto per 
 farvi un'idea.


Luce naturale, senza flash

Luce naturale, senza flash

Luce del sole (con annesse vene nè blu, nè verdi...boh)
Luce del sole




Luce del sole
Luce naturale senza flash



Post Scriptum ( ho appena mandato una mail al servizio clienti Clinique, non  sopportavo l'idea dell'abbandono!) Nell'attesa di conoscere le sorti del loro finto-minerale...voi che fondi minerali usate? Conoscete Lily Lolo o qualcuno di questi citati qui? E sopratutto,qualcuna sa come scoprire con certezza il proprio sottotono??


Reazioni:

14 commenti:

  1. Grazie della recensione.
    Domandona: quei grumetti che appaiono in foto si riescono a rompere facilmente o fanno come quelli di Neve che col loro flatbuki (troppo soffice, temo) non si rompono e, quindi, tirano strisce di colore sul viso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no... affatto! E' solo la polvere molto pesante (infatti ne basta pochissima) che si "compatta", diciamo, in grumetti ma poi una volta che ci passi il pennello spariscono nelle setole e sul viso non si vedono. Viene bello omogeneo, anzi, nello swatch non ho sfumato perfettamente proprio per far vedere meglio il colore, ma altrimento si fonde perfettamente con la pelle. Non conosco il flatbuki di Neve, ma con questo mi trovo benone!

      Elimina
    2. Io col flatbuki di Neve mi sto trovando bene a stendere il fondo compatto "minerale" (...) di KIKO, ma per quanto riguarda la polvere libera dell'High Coverage di Neve non mi pare vada tanto bene: non riesce a rompere i grumi, ma li tira un po' su fra le setole e poi cascano appena si gira il pennello. I grumi che non cascano vengono invece "strisciati" sul viso e occorre lavorare un bel po' per non vedere le strie... :(

      Elimina
  2. Ciaooooo ^_^ Come va? sono troppo felice quando leggo i post sul tuo blog...mi ricorda che sono stata la tua prima iscritta, che emozione *.* hihihi lo sai che stavo per acquistare un fondo lily lolo, poi ho pensato che trovare il colore adatto alla mia pelle sarebbe stata una impresa titanica...e forse preferisco il minerale compatto...non so quale prendere, forse quello della neve ma credo ci sia di meglio sob :\ buona giornata e a prestooooo ^_^ p.s. complimenti per la nuova grafica, è fantastica! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile! Grazie! <3
      Io ero indecisa tra questo e quello Neve, di cui ho sentito un gran bene! ma non ho mai usato fondi compatti e cercavo proprio uno in polvere... ma la ricerca del fondotinta perfetto è ancora aperta! A presto!Baci!

      Elimina
  3. ciao Ilaria,
    sono nuova tra i tuoi followers:) questo fon non l'ho mai provato, però da amante dei fondi minerali un giorno dovro assolutamente dargli una chance^_^
    se hai piacere passa a trovarmi:)
    a prestooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo secondo me va provato! Grazie di essere passata, ciao! :)

      Elimina
  4. Io uso solo quello di neve cosmetics che applico rigorosamente con flatbuki.

    Prima però usavo anche io il pennello elf di cui parli che, devo dire, non è niente male.

    Se ci sono dei piccoli grumi nel fondo minerale faccio così:

    - verso il fondo tinta nel tappo
    - schiaccio i grumi con la parte posteriore del pennello come fosse un mortaio
    - scrollo il pennello nel coperchio per far cadere il fondo che gli è rimasto attaccato
    - metto il fondotinta

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante: non avevo mai pensato di usare il lato opposto del pennello ;)
      Grazie della dritta!

      Elimina
  5. è un ottimo fondotinta,lo usa mia figlia

    RispondiElimina
  6. sto meditando il ritorno al fondo in polvere libera. Lily Lolo è una delle alternative più valide che ho! Grazie della review

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Chiara! Grazie di essere passata, che bello leggerti qui :)
      Si, questo fondo è stata una bella scoperta per me!

      Elimina
  7. io di fondi minerali ne ho provati veramente un casino, ma mai uno che opacizzasse come lui, posso addirittura non mettere la cipria :D

    RispondiElimina

Appunti, suggerimenti, insulti...Un segno del vostro passaggio sarà comunque gradito